CuriositàIl palazzo di Scherbatov
Телефон+7 (495) 690-29-16, +7 (495) 690-08-48, 8 (903) 660-01-99
РусскийEnglishItaliano
Логотип «Damimpex»

Sviluppo di rapporti tra la Russia
ed i paesi europei

 

Curiosità

Il palazzo di Scherbatov

domSherbatova_s.jpg Novinsky viale, casa 11, Mosca, Russia. Monumento di architettura 1911-1913, architetto A. I. Tamanyan

“Il palazzo di Scherbatov”, che comprendeva una seria di appartamenti, destinati ad essere dati in affitto, e’ stato costruito per il principe S.A. Scherbatov negli anni 1911-1913 in stile di neoclassicismo dall’architetto A.I. Tamanyan (Tamanov) con la partecipazione degli scultori A.A.Kudinov e V.V. Kouznetsov.

Questo edificio e’ diventato il nuovo modello di un grande palazzo con gli appartamenti da affittare, costruito secondo le tradizioni architettoniche di poderi moscoviti, e ha partecipato nel primo concorso, organizzato dalla Duma della citta’ di Mosca, che si intitolava “La bellezza delle facciate di palazzi”. Una vasta campagna pubblicitaria proclamava questo concorso come “il ritrovamento di legami tra la bellezza di forme architettoniche e la vita culturale della citta’”, “la tendenza che si avvanza”, “il tentativo di influire al livello artistico dell’edilizia moscovita tramite l’assegnamento di premi per la bellezza di edifici, costruiti di recente”, “il rimedio per l’espressione artistica”.

Nel primo concorso del 1913 hanno partecipato i diciotto edifici: alcuni di essi (dieci) sono stati proposti per la partecipazione nel concorso da parte dei loro proprietari , gli altri otto hanno proposto invece i membri della commissione del concorso. Il primo premio e la medaglia d’oro ha ricevuto quasi unanimamente il famoso complesso d’abitazione con un attico – il palazzo con gli appartamenti, destinati ad essere dati in affitto, situato in Novinskij boulevard, 11 (piu’ tardi questa strada ha cambiato il nome in via Ciajkovskij per tornare di recente nuovamente con il nome di Novinskij boulevard).

Due palazzi – partecipanti del concorso, hanno condiviso il secondo premio: l’edificio della “Scuola superiore femminile” ( ora l’Universita’ di pedagogia) in via Malaya Pirogovskaya, 1 , dell’architetto S.U.Soloviev, l’accademico dell’architettura, e l’edificio dell’Universita’ che portava il nome di Shanyavskij (ora l’Universita’ di scienze umanitarie), situata in piazza Miusskaya, 6, con il progetto, fatto dall’architetto A.A.Ejkhenvald, ed i lavori in facciata, eseguiti da I.A. Ivanov-Shits.

Il terzo premio hanno ricevuto tre palazzi: due di essi erano d’abitazione, uno apparteneva al principe Sheremetiev in vicolo Sheremetievskij, 5 ( ora vicolo Romanov), dell’architetto N.N. Chernetsov; il proprietario del secondo era Shakh-Paroniants in vicolo Ananievskij, 5 (l’architetto I.I.Florinskij); il terzo edificio apparteneva alla filiale “Tverskoj” del Monte di pieta’ della citta’ di Mosca, situata in via Bol’shaya Bronnaya, 23 (l’architetto I.P. Mashkov).

Una menzione a parte meritano i penthouse (gli attici), visto che questo procedimento architettonico e’ diventato molto popolare per l’edilizia moderna e funziona oramai come un slogan pubblicitario: “il penthouse rappresenta uno status symbol da elite”. Questo termine rappresenta la dolce vita occidentale e presuppone l’area all’aperto sotto il tetto di un grattacielo. Da noi i penthouse vengono visti come un bene maggiore, invece all’Occidente, dove essi esistono gia’ da tempo, il riguardo verso sia essi, che la possibilita’ di abitare su piani molto alti, e’ piuttosto selettivo. Ad alcuni piacciono i grattacieli, ma gli altri non solo non li considerano confortevoli per abitare, ma addirittura nocivi per la salute.

Pero’, per l’origine di questa gloriosa invenzione architettonica esistono vari pareri. Per esempio, esiste una versione che anche in questa questione i russi hanno superato tutto il mondo, siccome “Il palazzo del principe Scherbatov”, che comprendeva una seria di appartamenti, destinati ad essere dati in affitto, si puo’ attribuire ai primi modelli di penthouse. Il suo proprio appartamento il principe ha fatto costruire sul piano superiore dell’edificio per poter uscire sul terrazzo ad ammirare le torri del Cremlino. Se non fossero in mezzo i lunghi anni di discordia d’ottobre, forse l’invenzione del principe S. Scherbatov sarebbe stata compresa, apprezzata e chiamata di conseguenza. Pero’, tutto questo non e’ successo, ed il procedimento architettonico innovativo si e’ ambientato sotto il nome “penthouse” nella giungla di cemento d’oltreoceano.

Indirizzo: 121099, Novinskiy boulevard 10/12, Moscow, RF
Telefono:  +7 (495) 690-29-16, +7 (495) 690-08-48
Disegno e la creazione del luogo 
 «InfoDesign-M», © 2006—2017
Chi siamo
Servizi
Nostri soci
Immobili
Curiosità
Contatti